domenica 24 aprile 2011

Attraverso lo specchio


Facciamo finta, almeno per una volta, che la risposta ci sia e sia vicina. Ma forse è ancora troppo poco. Facciamo finta, solo per oggi, che la risposta io la veda e, soprattutto, la capisca. Lasciami immaginare che ci sia in un armadio, tra le vecchie valigie, una scatola con dentro ciò che cercavo. Succede che aprendo l’armadio le due ante munite di specchio rimbalza la mia immagine migliaia di volte finché la luce non si disperde completamente; ed è li che mi distraggo perché la mia mente si dimentica della scatola e va a cercare ciò che c’è negli specchi. Solo che nello specchio non c’è né Alice né Carroll , non c’è un mondo inventato ma solo la continua ripetizione della mia immagine. Mi tolgo dalla linea visiva e gli specchi rimbalzano se stessi. Se mi allontano ancora un po’ capisco che forse c’era la risposta ma io guardavo il rimbalzare della domanda. La luce ad ogni rimbalzo perde un poco di energia e alla fine non riesce più a raggiungere né lo specchio di fronte né i nostri occhi, così in fondo ci appare il buio, come se ci fosse una fine nell’infinito. Sicuramente è una metafora, ma non ho aperto la scatola quindi non so di cosa.


foto: Attraverso lo specchio, 23 aprile 2011, Flickr

14 commenti:

  1. adoravo fare questo gioco con gli specchi dell'armadio dei miei genitori... forse sono rimasta là. Bellissimo post.

    RispondiElimina
  2. grazie sed. la camera da letto dei genitori è sempre stato un luogo dai giochi misteriosi (ehm... senza doppi sensi). Dagli specchi dell'armadio, al lettone, ai mille cassetti del comò.

    RispondiElimina
  3. Davero un bel post.
    Quando ho scelto il titolo da dare al mio blog volevo dire più o meno questo "Solo che nello specchio non c’è né Alice né Carroll , non c’è un mondo inventato ma solo la continua ripetizione della mia immagine." ..."Se mi allontano ancora un po’ capisco che forse c’era la risposta ma io guardavo il rimbalzare della domanda."

    E poi devo dire che il divano che si vede sullo sfondo è quasi identico a quello che ci ha lasciato la bisnonna.:)
    E' sempre bello leggerti e vedere le tue foto.
    Ciao.
    Perinzia

    RispondiElimina
  4. Grazie, mi rende felice sentire che qui si fermano dei pensieri condivisi!

    RispondiElimina
  5. Semplicemente bello, l'immagine come sempre mi ha colpito molto.

    Un sorriso J

    RispondiElimina
  6. Grazie, un sorriso anche a te!

    RispondiElimina
  7. viene voglia di camminarci dentro.

    RispondiElimina
  8. eppure porta lontano anche solo guardando

    RispondiElimina
  9. una domanda è una domanda
    una risposta è una risposta
    illusione romantica che debbano completarsi
    non sono già belle così, a passeggio una accanto all'altra?

    RispondiElimina
  10. ma quanto è grande l'accanto? è un continente? un mare?

    RispondiElimina
  11. se compri un nastro, quanto lungo lo compri?

    RispondiElimina
  12. giusto giusto quanto basta per legare il pacco e fare il fiocco.

    RispondiElimina
  13. quella lunghezza è la distanza del tuo "accanto"

    RispondiElimina
  14. ecco, lo sapevo che c'era il trabocchetto.

    RispondiElimina